MAIDA Nuova graduatoria di assegnazione delle case popolari, il Comune consegna tre appartamenti

MAIDA – 10 APRILE 2021. Dopo quasi vent'anni, finalmente, una nuova graduatoria di assegnazione delle case popolari ha consentito all'ente comunale di Maida di organizzare e avviare la consegna di tre appartamenti alle famiglie che risultano possedere i requisiti economici e di condizione sociale. L'iter è stato lungo due anni, rallentato da pensionamenti di personale, pandemia e difficoltà burocratiche registrate presso l'Aterp (Azienda territoriale edilizia residenziale pubblica). La determinazione dell'amministrazione comunale di Maida, guidata dal sindaco Salvatore Paone, in forza ai poteri normativi regionali, è riuscita, nonostante tutto, a dare certezza e ripristinare un principio di giustizia sociale procedendo all'assegnazione degli alloggi, con regolare graduatoria a favore dei cittadini aventi bisogno.

Il primo cittadino Salvatore Paone non nasconde la soddisfazione. "Sono contento di questo risultato e ringrazio i componenti della Commissione comunale per il lavoro svolto a garanzia dei principi di legalità nelle procedure di assegnazione delle case popolari – afferma Paone -. Per anni, anche chi oggi vorrebbe apparire il paladino dei più deboli, lucrando su un imprevisto ritardo intervenuto a causa della mancanza delle chiavi di un alloggio, ha fatto finta di non ricordare e non vedere che nel passato si è verificata la totale mancanza di criteri legittimi nell'assegnazione delle case. Oggi finalmente c'è una graduatoria, il ripristino del principio di giustizia sociale che si afferma nel rispetto delle norme e la contemporanea normalizzazione dei contratti per tutte quelle persone che non avevano alcun titolo per occupare gli appartamenti. Grazie alla sinergia con l'Aterp di Catanzaro, l'ente proprietario delle case popolari, si è proceduto a una ricognizione dei canoni di locazione corrisposti dal Comune riportando in capo ai titolari il versamento dei canoni all'azienda pubblica, determinando così un risparmio annuo per le casse comunali di quasi diecimila euro. Un altro obiettivo su cui l'amministrazione maidese è impegnata da tempo riguarda la necessità di attivare l'Aterp per gli interventi di manutenzione straordinaria delle strutture ormai obsolete, in particolare negli ambienti condivisi, e il funzionamento della commissione che certifichi le graduatorie formate nei vari comuni".

"I risultati perseguiti in questo delicato settore dall'amministrazione comunale sono oggettivi e incontestabili: i cittadini di Maida – conclude il sindaco Paone - oggi non solo registrano risparmio nelle casse comunali, ma anche il ripristino di quei principi di legalità e normalizzazione che sulle assegnazioni delle case popolari segnano un nuovo capitolo di cambiamenti, archiviando definitivamente le pratiche del passato che hanno considerato gli alloggi popolari una proprietà privata da lasciare in eredità, poiché si tratta, invece, di patrimonio pubblico. Ad esso oggi si accede solo dietro regolare graduatoria. Sembra poco, perché dovrebbe essere la normalità, ma nella nostra regione è un risultato a mio avviso straordinario del quale andare fieri sia come cittadini che amministratori".